Torna in sicurezza il Teatro Ragazzi di Fondazione Aida

Dopo il lockdown tornano le proposte per le famiglie di Fondazione Aida: nel rispetto della normativa vigente dal 2 luglio al 20 agosto andranno in scena a Forte Gisella per La città dei ragazzi otto spettacoli inseriti anche nel cartellone dell’Estate Teatrale Veronese. Tra questi si segnala il debutto di C’era due volte il Barone Lamberto.
Presso la Fattoria del Giarol Grande guide esperte e attori condurranno i ragazzi in un viaggio notturno da Favola alla scoperta di pipistrelli, rapaci e mormorii del bosco.

Fondazione Aida dopo il lungo periodo di lockdown che ha cercato di mitigare con un’intensa attività social riapre i battenti con una rosa di proposte dedicate alle famiglie; nel segno del teatro d’autore e nel rispetto delle disposizioni sanitarie corso.

Dal 2 luglio al 20 agosto alle ore 21.00 presso il cortile interno di Forte Gisella (via Mantovana 117 Verona) andranno in scena gli spettacoli della rassegna La città dei ragazzi  inseriti anche all’interno del festival Estate Teatrale Veronese. Collaborano il Comune di Verona Assessorati alla Cultura, Politiche Giovanili e Decentramento, Consorzio ZAI e Unicredit.

Dal 7 luglio alle ore 20.30 i suggestivi ambienti della Fattoria Giarol Grande (presso il Parco Adige sud) faranno da cornice agli eventi di Natura da favolaaccompagnati da guide esperti e un attore Aida i ragazzi potranno scoprire il fantastico mondo dei pipistrelli (7 luglio) dei mormorii del bosco (21 luglio) e dei rapaci notturni (4 agosto).

A forte Gisella, tra i titoli si segnala il debutto di C’era due volte il Barone Lamberto, di Pino Costalunga, regista e drammaturgo, e Silvia Bonanni, nota illustratrice e abile costruttrice di “pupazzi”, entrambi anche in scena (il 23 luglio).

Nelle vesti del maggiordomo, Costalunga racconterà vizi e virtù del Barone, toccherà invece a Bonanni il compito di animare la novella attraverso la costruzione in diretta di personaggi e ambiente. Una sorta di  spettacolo che assume le vesti di un laboratorio dove in scena, tra forbici, colle e materiale da riciclo, prenderanno forma i protagonisti che animano questo testo tanto caro a Gianni Rodari. Il tutto sotto l’occhio indiscreto degli spettatori.

Aspettando le avventure del Barone Lamberto, il 2 luglio Teatrino dei Fondi presenterà Chicco di grano, una favola dal sapore antico per pupazzi e narrazione, incentrata sull’amore per la natura e la ciclicità delle stagioni. In scena la storia di due formiche, Milly e Molly, che partono in cerca delle provviste da raccogliere e conservare in vista dei mesi invernali.

Seguirà il 9 luglio Pippi Calzelunghe, un sempreverde di Fondazione Aida che ha ottenuto il plauso della famiglia Lindgren e che quest’anno compie settantacinque anni. Proprio allora Astrid Lindgren ha regalato alla figlia, Karin, il manoscritto dedicato alla simpatica ragazzina con i capelli color carota simbolo di coraggio, emancipazione e generosità che viveva in una grande casa tutta sola.

Giovedì 16 luglio Fondazione Aida presenterà Così nacque il mondo. Sei leggende (più una!) sintesi del progetto europeo The Legend of Great Birth che mette in luce gli elementi comuni tra le varie mitologie dei paesi coinvolti. In questo caso gli spettatori seguiranno con gli attori un percorso a tappe all’interno del forte. Lo spettacolo sarà replicato anche l’11 luglio presso la Fattoria del Giarol Grande.

Un meraviglioso viaggio, in quel pericoloso e tortuoso cammino che è il crescere, il diventare grandi de Il Mago di Oz sarà presentato il 30 luglio, mentre il 6 agosto andranno in scena le avventure de Il Principe felice, tratto da una delle fiabe più note, ironiche e commoventi che Oscar Wilde ha scritto per i figli, Cyril e Vyvyan, sul tema dell’amicizia.

Il 13 agosto fra giacche, sciarpe, cappelli e mutande prende vita la più famosa fra le marionette e tutti i personaggi che animano il popolare racconto di Collodi: Bam Bam presenterà Pinocchio. Ripercorreremo le avventure di Pinocchio fra il Gran Teatro dei Burattini di Mangiafuoco, il paese dei balocchi e il ventre di un pescecane fino ad arrivare al termine del nostro racconto: la metamorfosi di Pinocchio in bambino – attore.

Chiude la rassegna il 20 agosto Pino Costalunga nelle vesti di Pollicino che non ha paura dell’orco.

Biglietti spettacoli di Forte Gisella: fino a 3 anni gratis, da 3 a 12 anni 4 euro, da 12 anni in poi 6 euro.
Biglietti Giarol Grande: unico 6 euro

Per accedere agli spettacoli è necessario, in ottemperanza alle disposizioni sanitarie in corso, compilare il questionario al link: https://bit.ly/2YKqc6d. Per informazionichiamare 045/8001471 – fondazione@fondazioneaida.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *